Doping, padre Kolo Touré: “Niente droghe, è un musulmano praticante”

Kolo Touré (Getty Images)

DOPING KOLO TOURE’ MANCHESTER CITY / MANCHESTER (Inghilterra) – Il padre di Kolo Touré difende il figlio, sospeso dal Manchester City dopo essere risultato positivo a un test anti-doping. “Kolo è un musulmano praticante e la nostra famiglia è molto religiosa. – ha detto Mory Touré – Non potrebbe mai avere a che fare con le droghe. Vuole soltanto fare le cose nel modo corretto, come un bravo musulmano. Ha soltanto preso un prodotto dimagrante per perdere peso. È stato un errore e lui non sapeva che cosa ci fosse dentro”.

About Daniele

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *