Nba, risultati notte: Bargnani non basta a Toronto contro Phoenix. Ko San Antonio e Boston

Al Harrington, con i suoi 27 punti, ha messo ko San Antonio, facendo un grosso favore alle sue inseguitrici nella Western Conference

NBA RISULTATI NOTTE – In Nba cadono le capoliste Boston e San Antonio, favorendo la rincorsa delle loro inseguitrici, da Miami a Oklahoma City, passando per Orlando.

Nella Eastern Conference i Celtics cadono 87-90 contro Memphis a cui bastano i 13 punti di Randoph contro i 22 di Pierce: partita che si alterna a quarti in mano ai padroni di casa e quarti in quelle degli ospiti. Decisivo, però, dopo il 15-20, 30-24 e 25-23, è l’ultimo tempo quanto Boston va ko per 17-23.

L’occasione viene colta al volo da Miami che si impone 100-94 contro Detroit grazie ai 24 punti di Wade e nonostante i 27 di Hamilton. Dopo tre tempi equilibrati 21-17, 32-28 e 20-26, gli ospiti accelerano nel finale chiudendo 27-13 e avvicinandosi, prepotentemente, alla vetta.

Bene anche Orlando che vince 111-99 contro New York grazie ai 33 punti di Howard (e nonostante i 24 di Anthony): dopo il 28-25, 27-34 e 24-19 dei primi tre tempi, il successo viene conquistato nell’ultimo quarto, davvero fantastico per gli ospiti che si impongono 27-13.

Cade invece Atlanta 100-105 contro Philadelphia: bastano i 17 punti di Williams ad avere la meglio sui 33 di Smith. La partita si mantiene equilibrata fino alla fine con un 28-30, 31-23 e 21-21: ma nell’ultimo quarto gli ospiti crollano letteralmente favorendo il 31-20 dei padroni di casa.

Sorride anche New Jersey, ma che fatica contro Cleveland domanto 98-94: merito soprattutto di Humphries che realizza qualcosa come 18 punti e 23 rimbalzi! Partita spettacolare e che si gioca sui minimi scarti: il tabellone segna 17-22, 22-20, 23-20 e 20-20 per gli ospiti. Dopo la perfetta parità si giunge all’overtime dove i Nets hanno la meglio per 16-12.

Infine Indiana conquista il successo contro Charlotte con un roboante 111-88 firmato Granger, autore di ben 33 punti: la gara, dopo il 23-28 e 31-25 dei primi due tempi si chiude nel terzo con un 33-19, prima del 24-18 finale.

Nella Western Conference Denver batte 115-112 San Antonio con Harrington che ha la meglio su Neal per 27-25: partita che si gioca fino alla fine e che vede il suo apice nel secondo tempo quando il tabellone segna 35-40 per gli ospiti. In precedenza gli Spurs avevavo vinto 34-24. Nel terzo cadono ancora 24-26 ma nel quarto con un 19-25 gettano la vittoria.

Ne approfitta Oklahoma City che si impone 106-94 su Utah con la super sfida tra Jefferson (alla fine saranno 32 punti e 12 rimbalzi a referto) battuto da Westbrook (31 punti e 5 assist): a parte il secondo tempo, chiuso sotto per 18-20, gli altri tre sorridono ai padroni di casa che li chiudono 32-25, 28-24 e 28-25.

Bene anche Houston che con un 131-112 abbatte Golden State, anche se la sfida tra Wright e Martin finisce in parità, 34 punti a testa (ma il primo realizza anche 6 assist): la gara viene dominata dall’inizio alla fine dai padroni di casa, con picchi soprattutto nel secondo e terzo tempo. Il tabellone dice 36-33, 30-24, 34-28 e 31-27.

Sorride anche Phoenix che vince 114-106 contro Toronto a cui non basta un grande Bargnani, autore di 27 punti contro i 25 di Brooks: dopo tre tempi equilibrati con un 26-32, 29-29 e 31-15, gli otto punti di vantaggio vengono accumulati tutti nell’ultimo quarto, chiuso 28-20 dai Suns.

In fondo i Clippers si impongono 127-119 su Washington al termine di una gara interminabile e condita dai 32 punti di Wall e i 33 di Griffin che mette a referto anche 17 rimbalzi. I padroni di casa sembrano chiudere la pratica nel primo tempo con un 33-21, ma negli altri tre tempi, eccetto il 27-25 dell’ultimo, si fanno recuperare dagli ospiti con un 25-28 e, soprattutto, un 17-28. La partita finisce così all’overtime dove però è ancora la parità a regnare: 11-11 e nuovo overtime dove sono però i Clippers a imporsi per 14-6.

Infine successo anche per Sacramento 97-90 contro Milwaukee con Thomton (27 punti) che ha la meglio su Delfino (30 punti): dopo il primo tempo deludente, perso 25-32, gli ospiti rialzano la testa nel secondo imponendosi 28-24 e poi chiudono il terzo e quarto, rispettivamente, 22-18 e 22-16.

About Gianmatteo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *