F1, Lando Norris per il futuro: bella figura a Silverstone per convincere Mercedes

A ventidue anni Lando Norris è già pronto al grande salto in Mercedes: servono però prove convincenti e Silverstone è una grande occasione.

Il futuro è tutto nelle mani del pilota automobilistico britannico Lando Norris: il velocissimo ragazzino di ventidue anni su McLaren è al suo quarto anno in Formula Uno e dopo esser migliorato di anno in anno sarebbe pronto al grande salto, ma mancherebbe ancora qualcosa per farsi scegliere da una top Scuderia. La Mercedes si sta guardando intorno visti i trentasette anni di Lewis Hamilton e la volontà di non farsi soffiare il giovane pilota britannico dalle rivali.

Lando Norris
LaPresse

Lando Norris piace a tutti, un po’ come George Russell e Charles LeClerc rappresenta la nuova leva di futuri campioni della Formula Uno ma a differenza dei colleghi lui ancora non corre in un top team.

Lando Norris gira bene, anzi benissimo, da quattro anni in McLaren e a soli ventidue anni il talentuosissimo pilota britannico sarebbe già pronto al grande salto: tutti lo vogliono, la Mercedes ha una corsia preferenziale essendo la McLaren una powerunit della Scuderia tedesca ma al momento non ha un posto libero tra le sue fila.

La Mercedes è ad un bivio: con trentacinque milioni di euro di ingaggio e trentasette anni sulla carta d’identità Lewis Hamilton a fine stagione dovrà decidere se smettere o continuare, e qualora scegliesse la prima strada la Scuderia delle Frecce d’Argento dovrà cercare un sostituto mentre se scegliesse la seconda strada sarebbe la Mercedes a dover scegliere se confermarlo o separarsi dopo dieci stagioni insieme.

Il sostituto di Lewis Hamilton avrebbe tre identikit: Esteban Ocon di Alpine, Sebastian Vettel di Aston Martin e Lando Norris di McLaren, col terzo decisamente più giovane e talentuoso degli altri ma con qualcosa in meno nel curriculum. Cosa manca a Norris per essere come Vettel e Ocon? Le vittorie di Gran Premi.

Sì perché sottoscrivere un contratto a Vettel sarebbe dispendioso ma utile per far crescere Russell e lo sviluppo delle monoposto visti i suoi quattro Mondiali Formula Uno vinti e cinquantatré Gran Premi nel quale ha trionfato, firmare Ocon significherebbe scommettere su un bravo pilota molto serio e ordinato capace di andare veloce e vincere un Gran Premio anche con una monoposto di un team comunque considerato di seconda fascia, ma mettere sotto contratto Norris significherebbe portarsi a casa il giovane più talentuoso del circus che però dopo quattro anni e notevoli miglioramenti non ha ancora mai vinto un Gran Premio.

Una scelta difficile quella di Mercedes, dunque, ma qualora Norris non venisse prese subito difficilmente le altre rimarrebbero a guardare… perciò a Toto Wolff la scelta più difficile: che fare del futuro di Lewis Hamilton e Lando Norris?

A Silverstone, nell’imminente Gran Premio di Gran Bretagna, Lando Norris correrà in casa ed un podio metterebbe un altro bel tassello nel suo già buon curriculum, ma una vittoria sarebbe proprio l’apoteosi.

La scelta di Mercedes: che fare con Lando Norris?

Una scelta dura spetterà a Toto Wolff ma già un’ottima prova, l’ennesima, del pilotino britannico a Silverstone convincerebbe ulteriormente il Team Principal di Mercedes a spostarsi verso di lui accantonando momentaneamente Ocon e Vettel.

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

C’è però in ballo il futuro di Hamilton, separarsi da Lewis non è semplice e non è detto che debba accadere per forza: ufficialmente nel 2021 Lewis Hamilton ha rinnovato con Mercedes fino al 2023, ma le recenti diatribe con FIA circa le regole del famoso GP di Abu Dhabi che un anno fa gli costò il Mondiale in favore di Verstappen e il veto sull’indossare bracciali, collane e piercing all’interno della monoposto, oltre ad una sensibile perdita di campo di Mercedes nei confronti di Ferrari e Red Bull, starebbero facendo titubare il pilota inglese che ad oggi sarebbe propenso al ritiro a fine stagione.