Dramma nel tennis, tifosi increduli: “Mi suicido”

La notizia non ha tardato a fare il giro del mondo: parole forti di un big del tennis che hanno scioccato milioni di fan.

La vita di un professionista dello, talvolta, non è semplice come tutti vorrebbero credere. Il paragone con la vita di una persona normale spesso degenera in luoghi comuni, dati da una visione del mondo coi paraocchi.

Tennis
Pixabay

I fior di milioni che calciatori, cestisti e tennisti guadagno sono forse sproporzionati, ma tutto gira attorno al movimento economico che questi, col loro sport, sono in grado di produrre. Tutto, sostanzialmente, tiene fede ad una proporzione, per cui se un singolo professionista è in grado di guadagnare milioni, pensate a quanti miliardi dietro quella specifica disciplina ci sono e non limitatevi a guardare solo la punta dell’iceberg.

Anche perché tutti i professionisti dello sport sono umani, molte volte anche più di una persona comune. Lo hanno dimostrato negli anni in tanti: dai più strampalati, con storie alle loro spalle davvero esilaranti, ai meno fortunati, caduti in depressione. E in tal senso, il mondo del tennis è stato scosso da una dichiarazione poco piacevole risalente a qualche mese fa.

Tennis, Kyrgios sciocca tutti: “Ho pensato al suicidio”

Nick Kyrgios è uno dei tennisti più controversi della storia, certamente quello più particolare (per usare un eufemismo) della sua generazione. Dopo un cammino notevole a WimbledonATP in cui ha raggiunto la finale, persa poi contro Djokovic, il tennista australiano ha rialzato le proprie quotazioni in seguito ad un periodo caratterizzato da poche luci e tante ombre.

Solo qualche mese fa, però, Kyrgios aveva aperto il suo cuore al mondo del tennis e non, parlando dei suoi opinabili trascorsi. “Nessuno sa cosa ho passato, tutte le lotte che ho superato. Mi sono fatto del male, ho avuto pensieri oscuri sulla vita. Ho sempre le spalle coperte e ho tutta la fiducia nel mondo”, aveva detto il tennista sul suo profilo Instagram.

Appena dopo la vittoria nel doppio degli Australian Open, il ventisettenne si è lasciato andare in un monologo struggente: “Tre anni fa, quando il mondo pensava che io stessi bene mi stessi godendo la vita, stavo attraversando uno dei periodi più bui della mia esistenza. Facevo fatica ad alzarmi al letto, ero solo, depresso, pessimista. Ho abusato di alcool e di droga e ho allontanato tutte le persone che mi volevano bene”.

Mi sentivo come se non potessi parlare e fidarmi di nessuno”, ha continuato Kyrgios, “e questo è successo perché non ho mai voluto aprirmi con i miei cari. Ho cercato di fare tutto da solo”. Una dichiarazione che ha spiazzato il mondo del tennis, ma che allo stesso tempo lo ha sollevato: l’australiano è stato finalmente capace di aprirsi a tutti, dai suoi cari fino ai suoi fan e agli appassionati, con una storia che fortunatamente ha avuto un lieto fine.