GP Ungheria, tremano le scuderie in testa: la “Ferrari bianca” spaventa tutti

C’è un nuovo rivale in pista e fa paura: in vetta tremano Red Bull, Mercedes e Ferrari, la nuova rivale sembra veloce e pronta a battagliare.

A quanto pare il Gran Premio di Ungheria che si correrà sul celebre e difficilissimo circuito del Hungaroring riserverà enormi sorprese: alle solite Red Bull e Ferrari pare si possa avvicinare, senza sfidarle direttamente s’intende, una terza incomoda e rinnovata “Ferrari bianca”, ovvero la nuova Haas che con i grossi aggiornamenti portati sulle VF22 pare sia pressoché potente come una rossa di Maranello e pertanto pericolosa per Mercedes, BWT Alpine e McLaren in zona punti.

Haas
LaPresse

Se nel calcio il mercato è chiuso durante l’anno ed apre unicamente in due sessioni, lasciando i club a fare il possibile con quello che si ha per mesi e mesi senza poter intervenire sulla rosa in alcun modo, in Formula Uno sia la compravendita di piloti che la possibilità di mettere mano alle monoposto con sviluppi ed aggiornamenti è consentita durante l’arco dell’intero calendario.

Questo fa sì che la stagione sia sempre avvincente e possa cambiare tutto dal giorno alla notte, cosa che accade in ogni weekend di gara dove nelle prime prove si ha un risultato ed al termine del Gran Premio se ne sarà palesato uno totalmente diverso e magari inaspettato.

La bellezza della Formula Uno è anche questa, il dover stare sempre sul pezzo così da consegnare costantemente aggiornamenti e sviluppi che portino la monoposto ad essere credibile in ogni weekend di gara. Lo sa bene la Haas, rimasta fin qui a secco di aggiornamenti da inizio stagione e quindi ferma ad una situazione complicata che non le permette di lottare, ma ciononostante qualche risultato con gli abili Kevin Magnussen e Mick Schumacher è anche arrivato ultimamente ed ora le cose sembrano volgere al meglio.

In Ungheria la Haas si presenterà con l’artiglieria pesante, ponendo gli unici grandi aggiornamenti della stagione nelle VF22 utilizzando la partnership con Ferrari che fornirà una serie si sviluppi di altissimo livello che trasformeranno così le monoposto di Schumacher Jr e Magnussen in vere e proprie “Ferrari bianche“.

Sì, perché a quanto pare le Haas otterranno prestazioni, performance, velocità e stabilità grazie agli aggiornamenti che implementeranno sulle VF22 al Hungaroring: le rinnovate e pericolosissime “Ferrari bianche” avranno il difficile compito, ma ora possibile, di piazzarsi in Top 10 e combattere finalmente ad armi pari contro McLaren e BWT Alpine, provando perfino a sfiorare le W13 di Mercedes anch’esse in crescita ma tutt’ora presentanti grosse difficoltà.

Mick Schumacher si sta giocando il futuro e pertanto una gara di livello potrebbe continuare a farlo seguire con grande interesse da numerose squadre che lo sognano tra i loro ranghi e a breve presenteranno le loro offerte, mentre Magnussen è più il pilota che deve badare a portare pochi punti ma buoni in quanti più Gran Premi riesce. Perciò obiettivi diversi ma con la Haas ed i suoi successi come bene comune, Gunther Steiner si fida ciecamente dei suoi due assi e si fida ancora di più delle sue nuove e potenziate VF22 ora in grado di competere come si deve.

Haas come una “Ferrari bianca”: può iniziare un nuovo ciclo per la banda di Steiner

Dopo l’ottimo quinto posto ottenuto nel 2018 con la brava coppia formata da Kevin Magnussen e Romain Grosjean la Haas non è più riuscita a ripetersi, infilando due noni ed un decimo posto (l’ultimo) nelle ultime tre stagioni.

In questa stagione le due VF22 di Haas con Schumacher e Magnussen alla guida hanno racimolato fin qui trentaquattro punti, terzo miglior risultato di sempre per la scuderia statunitense e siamo solo a metà stagione, nel 2018 furono addirittura novantatré i punti conquistati ma difficilmente si ripeteranno quei numeri pur potendoli avvicinare.

Indubbiamente gli aggiornamenti alle due VF22 fanno sorridere e non poco Gunther Steiner che ora sa di avere la concreta chance di risollevare le sorti della scuderia e riportarla quantomeno a metà classifica: Haas al momento è settima in Classifica Costruttori con trentaquattro punti e davanti a sé in sesta piazza ha Alfa Romeo ferma da un po’ a cinquantuno lunghezze, ancora più avanti c’è McLaren quinta con ottantanove punti (decisamente inarrivabili).

Gunther Steiner ha fissato il traguardo ed è stato chiaro con i suoi due assi: ore le monoposto VF22 sono potenti perciò è imperativo prendere la sesta posizione e superare Alfa Romeo, da qui in avanti questo sarà l’obiettivo principale stagionale di Haas.