Clamoroso in F1: il pluricampione dà l’addio, nessuno se lo aspettava

Un fulmine a ciel sereno squarcia le calde giornate rilassanti estive degli appassionati di F1: il pluricampione dà l’addio all’improvviso!

Le calde e lunghe giornate estive che stanno rilassando gli uomini e le donne di questo pianeta sono state squarciate all’improvviso da un fulmine a ciel sereno inatteso: a molti di loro non interesserà nulla ma agli appassionati di Formula Uno è venuto un colpo nel leggere le parole del quattro volte campione del mondo F1 che ha annunciato così, senza alcun preavviso, che a fine stagione si ritirerà dalle corse su monoposto.

ritiro Vettel
LaPresse

Nelle corse di Formula Uno c’è anche chi diventa un idolo, un’icona ed un simbolo senza aver mai vinto un mondiale o perfino una gara in carriera, questo perché non sempre i piloti possono essere incasellati unicamente nei risultati, va tenuto anche conto della monoposto che guidano e della persona che entra nell’abitacolo. Esistono perdenti buoni e campioni antipatici, ma esiste anche chi coniuga a meraviglia questi due mondi.

Quel tipo di persona ha un nome ed un cognome: Sebastian Vettel, amorevole uomo, persona sempre solare e seria allo stesso tempo, icona di lotte importanti come quella al cambiamento climatico, pluricampione con le monoposto e ragazzo benvoluto da chiunque all’interno del paddock.

La carriera di Sebastian Vettel è stata stellare oltremodo: quattro volte consecutivamente dal 2010 al 2013 campione del mondo di Formula Uno, il più giovane di sempre a riuscirci per altro, vincitore con cento trentadue sorpassi nel 2021 del neonato premio Crypto Overtaked Award, duecento novanta Gran Premi disputati, cinquantatré vittorie, cento ventidue podi e cinquantasette pole position, il più giovane di sempre anche qui ad ottenerne una, e più un’altra sconfinata serie di numeri record che l’hanno portato ad essere annoverato tra i piloti più forti della storia delle corse di Formula Uno.

Finisce qui per Sebastian Vettel però, il quattro volte iridato ha scelto di fermarsi e scendere dalla monoposto a trentacinque anni, annunciando il ritiro che si completerà ed ufficializzerà a fine stagione. L’annuncio fatto su Instagram direttamente dal pilota tedesco, che si era aperto in quei minuti il suo primo profilo social, ha scioccato tutti gli appassionati che mai si sarebbero aspettati una simile decisione, anche perché non se ne era minimamente parlato nelle passate settimane.

Seb ha annunciato il suo ritiro dalle corse di Formula Uno gettando tutto l’ambiente legato alle monoposto nello sconforto, ferendo tantissimi appassionati e lasciando di stucco persino amici e compagni. Sebastian Vettel ha anche pubblicato una lunghissima lettera dove saluta e ringrazia tutti quanti, strappando sorrisi e lacrime a tutti quelli che col groppo in gola sono riusciti a finire di leggere quelle righe.

Nella lettera si legge che le motivazione che l’hanno spinto a lasciare vanno ricercate nella sua volontà di stare più tempo con la sua famiglia, visto che le corse ti richiedono impegno e tanto tempo lontano da casa: “Chi sono io? Sono Sebastian. Padre di tre figli e marito di una donna meravigliosa, desidero essere un ottimo padre e marito“. Vettel si è detto grato a tutti, ha fatto poi tutto un gran bel discorso su cosa significa essere uomo, sul futuro e sui suoi figli, dicendosi comunque sempre innamorato delle corse e della Formula Uno sin da quando ha memoria.

Chiude così la lettera strappalacrime Sebastian Vettel: “Addio e grazie per avermi permesso di condividere la pista con voi. Mi è piaciuto molto“.

È piaciuto molto anche a noi, grazie di tutto Seb.

Sebastian Vettel si ritira: chi lo sostituirà in Aston Martin?

Un vero e proprio fulmine a ciel sereno, perfino per i vertici Aston Martin che stando alle parole di Sebastian Vettel sono stati avvertiti solo con un giorno di anticipo rispetto a tutto il resto della popolazione. Ora chi raccoglierà la pesante eredità di Seb in Aston Martin? Chi verrà dopo il grande campione di Red Bull e l’incompiuto fenomeno di Ferrari?

Sebastian Vettel da gran signore qual è non se l’è sentita di fare nomi per il dopo, commentando così le parole di chi gli chiedeva se potesse essere l’amico e allievo Mick Schumacher il suo sostituto ideale: “Ha qualità ma è ancora molto giovane. La decisione non spetta a me, però se mi chiederanno un parere, lo darò“.

Al momento i nomi più caldi come sostituto di Sebastian Vettel in Aston Martin sembrano poter essere Antonio Giovinazzi, Nicky De Vries e Daniel Ricciardo, quest’ultimo qualora la scuderia decidesse di andare su un nome di rilievo invece che su un giovane.