Vince 16 milioni di dollari e perde tutto in un anno: ecco com’è stato possibile

Si possono vincere oltre sedici milioni alla lotteria della Pennsylvania e perdere tutto in neanche un anno? Sì, è la storia di William Post.

Vincere cifre esorbitanti comporta anche poi il doverle saper gestire, investire con senno e spendere comunque il giusto senza eccedere: chiedere a William Post, detto Bud, un uomo della Pennsylvania che ha vinto oltre sedici milioni di dollari alla lotteria nel 1988 ed ha perso tutto, ed anche di più, nel giro di neanche un anno.

povero
Pixabay

Non è facile vincere milioni e milioni di dollari alla lotteria e sappiamo che questa frase suona come un enorme controsenso, ma se è vero (e lo è) che l’87% delle persone che vincono cifre esorbitanti poi tornano più povere di prima in neanche due anni allora capite bene che diventa un’arma a doppio taglio.

Mantenere i soldi in tasca o investirli a dovere non è semplice, figurarsi gestirli soprattutto quando sono così tanti: chiedete a William Post in caso, ma fatelo tramite seduta spiritica visto che il pover uomo non è nemmeno più tra noi, morto dopo esser stato devastato dai debiti e dal dolore.

William Post detto “Bud” vinse poco più di sedici milioni di dollari alla lotteria della Pennsylvania nel 1988 e quella che sembrava la notizia più bella della sua vita si rivelò essere il nemico peggiore da sconfiggere. Nel giro di neanche un anno Bud sperperò tutto in progetti mai avviati, imprese fallite, beni extra lusso a fondo perduto e investimenti fallimentari, in neanche un anno non solo perse tutto ma si indebitò per oltre un milione di dollari.

William Post finì per esser lasciato dalla sua ragazza dell’epoca e nel frattempo una sua ex lo denunciò ottenendo un terzo della sua vincita alla lotteria, nel mentre suo fratello ingaggiò un killer per ucciderlo e rubargli l’eredità ma il tentativo fallì: questo fatto segnò gravemente a livello mentale Bud.

Vittoria e sconfitta: il rapidissimo declino del milionario William Post

Iniziarono una marea di problemi per William Post da lì: la polizia indagava su di lui, i debiti aumentavano, i creditori si facevano sempre più vivi in maniera meno carina ad ogni visita ed un giorno Bud finì perfino per esplodere un colpo di pistola contro uno di essi, sfiorandolo.

Il fattaccio gli costò un periodo di detenzione, uscito di galera finì pressoché come un clochard a vivere con una pensioncina minima di 450 dollari ed i problemi aumentarono di giorno in giorno, prima riguardo la sua situazione debitoria e successivamente riguardo la sua salute.

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

L’agonia finì quando nel 2006 morì povero, malato e stremato, ma nel tempo dichiarò “ero molto più felice quando non avevo soldi“, una frase su cui riflettere molto.