SBK, Bautista accusa il rivale: “Mi è venuto addosso!”, reclamo alla Federazione

Episodio terribile in SBK: Bautista cade rovinosamente dopo un contatto molto sospetto. Il ducatista accusa il rivale e si rivolge alla FIM.

Episodio molto controverso quello capitato ad Alvaro Bautista in Gara 2 al Gran Premio di Magny-Cours: si stava giocando con Toprak Razgatlioglu la testa della gara quando in curva viene colpito, involontariamente o meno non è chiaro, da un suo terzo storico rivale che lo manda fuori pista e gli causa una rovinosa caduta. Bautista è una furia e Ducati si rivolge alla FIM.

SBK
LaPresse

I piloti sono uomini veri e quando salgono in sella ai loro bolidi sanno bene a cosa vanno incontro: infortuni potenzialmente seri, vita in pericolo, velocità estreme e quant’altro, purtroppo anche tiri mancini di avversari che possono costarti caro in termini di risultati o di salute.

Ci è andato vicino Alvaro Bautista che fortunatamente ne è uscito indenne, ma una rovinosa caduta rimediata in Gara 2 al Gran Premio corso a Magny-Cours poteva costargli caro. Non è stata tanto la caduta in sé a generare spavento e sbalordimento tra i presenti e i telespettatori, quanto la dinamica dell’evento.

Alvaro Bautista stava duellando con Toprak Razgatlioglu per la testa della gara quando ad un certo punto Jonathan Rea, sei volte campione del mondo ed anch’esso rivale dello spagnolo, sbuca da dietro ed affiancando il pilota di Ducati sembra spintonarlo provocandogli un disarcionamento con conseguente caduta dalla motocicletta.

Ora, non è chiaro se Rea l’abbia fatto apposta o meno, certo è che la dinamica è piuttosto controversa e quantomeno sembra che l’inglese volesse impattare il ducatista perlomeno per fargli sentire la presenza e dichiarargli guerra di sorpassi.

L’episodio non è stato certamente bello e subito i telecronisti hanno ipotizzato una manovra irresponsabile di Jonathan Rea nei confronti di Alvaro Bautista, tra lo shock generale e lo sbalordimento dei telespettatori e dei tifosi presenti sugli spalti del circuito.

Queste le immagini del contatto tra Rea e Bautista:

Bautista e Ducati su tutte le furie: reclamo ufficiale alla FIM

Tornato ai box dopo la caduta il malcapitato Alvaro Bautista è andato su tutte le furie, sottolineando a gran voce coi membri del suo staff quanto Jonathan Rea l’avesse colpito di proposito per mandarlo fuori pista.

Lo spagnolo ha così commentato furiosamente l’accaduto: “L’ho visto entrare ma non come accade di solito, mi è proprio venuto addosso. Non è un errore di guida, è una manovra irresponsabile!“.

Successivamente il pilota britannico si è recato al box di Bautista per scusarsi ma la visita non ha avuto proprio l’effetto sperato con lo spagnolo che ha continuato furiosamente a inveire contro il pilota di Kawasaki, pur accettando in parte le scuse.

Alvaro Bautista e Ducati ora hanno sporto reclamo alla Federazione chiedendo che Rea venga seriamente penalizzato per il brutto gesto e che non passi tutto in cavalleria come sembra che invece finirà.

Impostazioni privacy