Speciale Serie A, 27esima giornata: Pato-show, il Milan tiene a distanza di sicurezza l’Inter

Il Milan esulta (Getty Images)

di Raffaele Traversetti

SPECIALE SERIE A GIORNATA 27 RISULTATI CLASSIFICA / ROMA – Il Milan liquida il Napoli con un secco 3-0 il e si riporta a cinque punti di vantaggio sull’Inter. Nel primo tempo squadre contratte, probabilmente a causa dell’alta posta in palio: i rossoneri costruiscono di più ma sono poco precisi negli ultimi 16 metri. Se è vero che il rigore (trasformato con precisione e forza da Ibrahimovic) è quantomeno dubbio, è altrettanto vero che gli uomini di Allegri hanno dimostrato complessivamente maggiore personalità e qualità tecnica, mentre i partenopei, orfani del ‘Pocho’ Lavezzi, non sono riusciti a ripartire in velocità. Sia Hamsik che Mascara hanno lasciato troppo isolato in avanti Cavani, Maggio e Dossena non hanno spinto sulle corsie esterne come Mazzarri avrebbe voluto e il solo De Sanctis ha consentito al Napoli di rimanere in partita fino al 2-0 firmato da Boateng. Da sottolineare l’ottima prestazione di Alexandre Pato, decisivo come contro il Chievo: entra nell’azione del penalty, fornisce l’assist per la seconda rete e realizza un gol di pregevole fattura con un tiro a girare sul palo lontano. I nerazzurri di Leonardo regolano una Sampdoria sempre più in difficoltà grazie alle giocate dei singoli (Sneijder ed Eto’o i migliori e non solo per le marcature messe a segno) ma anche grazie ad una ritrovata coesione che si avvicina molto a quella della stagione scorsa. Con il tecnico brasilano l’Inter ha ritrovato una continuità di risultati da scudetto, con solo due battute d’arresto , ad Udine (la squadra di Guidolin è in piena lotta per l’Europa) e Torino ed uno svantaggio nei confronti dei rivali cittadini che si è sensibilmente ridotto. La lotta per il campionato sembra quindi circoscriversi alla due milanesi nonostante il Napoli sia ad un solo punto dai campioni d’Italia in carica. La squadra di De Laurentiis dovrà soprattutto difendere il terzo posto, piazzamento guadagnato con merito e che permette l’accesso diretto in Champions League. La Lazio cade a Cagliari e vede avvicinarsi un’Udinese vittoriosa a Palermo con lo storico punteggio di 7-0: al di là dell’irripetibile risultato, i bianconeri giocano un calcio aggressivo e veloce, con due terminali offensivi rapidi ed efficaci. Gran parte dei meriti vanno ascritti alla società friulana che ha saputo valorizzare il proprio patrimonio tecnico andando a scovare talenti in giro per il mondo (Sanchez su tutti, ma anche Armero e Isla). Continua a stentare la Roma: la ‘cura’ Montella non sembra aver cancellato tutte le insicurezze a livello psicologico, complice anche una condizione fisica non ottimale. I giallorossi hanno perso troppi punti negli ultimi 20-30 minuti, ma non si devono fornire pericolosi alibi ai calciatori alludendo agli errori della precedente guida tecnica. Anche la Juventus, come la compagine capitolina, è protagonista di un campionato, almeno fin qui, fallimentare, con demeriti societari evidenti sia in sede di mercato (nessun fuoriclasse acquistato, tutti buoni giocatori) sia nella scelta di un tecnico probabilmente non all’altezza della situazione. In zona salvezza da registrare le vittorie del Cesena e Catania, che permettono ai romagnoli di portarsi a meno tre dalle quart’ultime Lecce e Parma ed agli etnei di portarsi a due punti di distanza da Sampdoria e Chievo. La lotta per non retrocedere coinvolge, se si esclude il Bari, molte squadre nel breve volgere di pochi punti, saranno decisivi come non mai gli scontri diretti ed il fattore campo giocherà un ruolo fondamentale. La Fiorentina di Mihajlovic sembra lontana anni luce daala squadra che, solo un anno fa, aveva messo in grande difficoltà il Bayern di Robben e Ribery: la stagione dei viola sta scivolando via anonima e senza particolari sussulti, con i tifosi fiorentini sempre più polemici nei confronti della proprietà.

RISULTATI E MARCATORI

JuventusBologna 0-2
49′, 66′ Di Vaio

Bari-Fiorentina 1-1
21′ Gilardino (F), 87′ Ghezzal (B)

Brescia-Lecce 2-2
17′ Caracciolo (B), 19′ Zoboli (B), 31′ Corvia (L), 70′ Munari (L)

Cagliari-Lazio 1-0
40′ aut. Dias

Cesena-Chievo 1-0
90′ Jimenez rig.

Palermo-Udinese 0-7
10′, 41′ e 60′ Di Natale, 19′, 28′, 42′ e 48′ Sanchez

Roma-Parma 2-2
19′ Totti rig. (R), 36′ Juan (R), 64′ e 69′ Amauri (P)

Sampdoria-Inter 0-2
74′ Sneijder, 89′ Eto’o

Milan-Napoli 3-0

49′ Ibrahimovic (rig.), 77′ Boateng, 79′ Pato

CLASSIFICA: Milan 58, Inter 53, Napoli 52, Lazio 48, Udinese 47, Roma 43, Juventus 41, Palermo 40, Cagliari 38, Genoa 35, Bologna 35, Fiorentina 34, Chievo 31, Sampdoria 31, Catania 29, Lecce 28, Parma 28, Cesena 25, Brescia 24, Bari 16.

About Andres

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *