Ciclismo: La Panne, apre Chainel

E’ iniziata con una tappa corsa in maniera impegnativa la Tre Giorni di La Panne 2010 e i ciclisti della Lampre-Farnese Vini hanno mostrato subito di essere pronti a lottare su strade strette, muri, fango e acciotolati.

La frazione inaugurale, 198 km da Middelkerke a Oudenaarde, ha visto i blu-fucsia diretti da Fabrizio Bontempi impegnarsi per essere presenti in ogni frangente cruciale della corsa.
Il primo a entrare in azione è stato Buts (in foto, alla partenza) con uno scatto al 25 km di gara che gli ha permesso di unirsi a una fuga di circa 15 atleti, azione alla quale il gruppo non ha lasciato molto spazio.

Annullato l’attacco, al chilometro 40 dal plotone è fuoriuscita una ventina di corridori, tra i quali Bernucci: questa azione ha avuto maggior fortuna della precedente e ha avuto vita per poco più di 100 km, raggiungendo però un vantaggio massimo di solo 2’15”.

Quando il gruppo è rientrato sui fuggitivi, si è aperta una nuova serie di scatti (ci hanno provato anche Da Dalto e Hondo), fino a quando è stato il turno di 16 corridori di tentare la sortita, rivelatasi poi vincente. Spilak è stato lesto a sfruttare le proprie residue energie per agganciarsi agli attaccanti, i quali sono riusciti a distanziare il gruppo principale: prima dell’ultimo dei 15 muri previsti, il Kortekeer, tra gli attaccanti è scoppiata la battaglia e Spilak prima si è ritrovato a inseguire un drappello di 7 atleti, poi è andato al contrattacco con altri 6 corridori e infine ha dovuto veder fuggire un gruppetto di 7 corridori destinati a raggiungere il traguardo.

Vittoria per il francese Chainel, Spilak 14° a 49″, Lorenzetto 20°, all’arrivo col gruppo principale con un ritardo di 2’09”. Hondo è giunto al traguardo in 31^posizione a 2’15” assieme a Da Dalto (45°), Bernucci ha ottenuto la 70^ posizone a 13’06”, mentre Balloni (89°), Buts (110°) e Sapa (130°) hanno concluso la loro prova con un ritardo di 24’45”.

“La squadra ha saputo essere sempre presente con un corridore nelle azioni importanti che hanno caratterizzato la gara – ha commentato il ds Fabrizio Bontempi – Sarebbe stato logicamente opportuno concretizzare la buona prestazione corale con un risultato di spicco: rimane comunque la soddisfazione per aver provato a creare le condizioni per ottenere un piazzamento importante, purtroppo non arrivato. Riguardo alle prestazioni dei singoli, Spilak è stato bravo a entrare nell’azione decisiva, purtroppo non è riuscito a seguire i sette uomini che si sono involati verso il traguardo. Bravo Buts a coprire la prima parte di gara cercando di entrare nelle fughe: anche domani sarà sicuramente a combattere con la sua consueta grinta. Bernucci, Hondo e Da Dalto hanno mostrato di avere una buona condizione di fondo e si somo dimostrati attivi in alcuni frangenti caldi di gara. Vorrei spendere parole di incoraggiamento per Balloni, alle prese con le difficoltà che un ragazzo di venti anno può incontrare all’esordio nelle corse del Nord: Alfredo ha una grande potenza, deve cogliere ogni occasione per imparare il più possibile su queste gare, sono certo che riuscirà a crescere molto”.

Si prosegue mercoledì con la 2^frazione, Zottegem-Sint Idesbald di 214 km.

About admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *