Russell, Alonso e Gasly in guerra: triplice alleanza contro FIA

La triplice alleanza formata da George Russell, Fernando Alonso e Pierre Gasly è sul piede di guerra: l’obiettivo è muoversi contro FIA.

Ormai è chiaro a tutti quanti che tra i protagonisti della Formula Uno, che si tratti di piloti o tifosi finanche a telecronisti e membri delle scuderie, e la Federazione Internazionale dell’Automobile (FIA) non scorra decisamente buon sangue, e proprio i piloti non perdono occasione per scagliarcisi contro: a tal proposito in quel di Suzuka è nata una triplice alleanza che si è schierata apertamente contro le decisioni prese da FIA.

Russell, Alonso e Gasly
LaPresse

Sembra una di quelle storie da fine ottocento, quelle che si leggono sui libri di storia che raccontano di patti militari e alleanze nate sul finire del diciannovesimo secolo… e in realtà ci assomiglia molto anche se qu siamo in Formula Uno, nel campo delle corse automobilistiche di monoposto a ruote scoperte.

Una triplice alleanza è stata stipulata figurativamente da un po’ di tempo e proprio nel weekend di corse disputato a Suzuka, in Giappone, ha preso realmente forma entrando in azione come fosse stabilito da un patto militare che quando qualcuno dell’alleanza è in difficoltà gli altri arrivano per soccorrerlo.

La triplice alleanza della Formula Uno vede tre piloti uniti oggi contro la Federazione, ritenuta la nemica principale degli assi stessi in pista, e stiamo parlando di George Russell, Fernando Alonso e Pierre Gasly.

Rispettivamente fantini di Mercedes, BWT Alpine (ancora per poco dato che Alonso a fine stagione migrerà in Aston Martin) e AlphaTauri, i tre piloti era da un po’ che si annusavano facendosi reciproci complimenti e difendendosi a vicenda davanti ai microfoni, fin quando non è stato chiaro a tutti che dalla loro amicizia era nata una sorta di triplice alleanza.

Al caotico e complicato Gran Premio del Giappone poi i tre alleati in questione sono realmente intervenuti l’uno per difendere l’altro, in particolare Fernando Alonso e George Russell terminata la corsa si sono schierati apertamente dalla parte di Pierre Gasly ingiustamente colpito da penalità inferta da FIA.

Alonso e Russell in soccorso di Gasly: la triplice alleanza va contro FIA

A Suzuka la FIA ha inferto a Pierre Gasly ben venti secondi di penalità in gara, retrocedendolo in ultima posizione perché reo di non aver rispettato i limiti di velocità imposti in avvio di corsa quando è stata esposta la bandiera gialla e poi quella rossa, ma in realtà Gasly stava solo riaccodandosi al gruppo e l’ingresso di Gru mobili in pista con scarsa visibilità hanno anche messo in pericolo di vita l’asso francese di AlphaTauri.

Venuti a conoscenza della penalità data a Pierre Gasly subito George Russell e Fernando Alonso si sono schierati dalla sua parte, difendendolo.

L’asso britannico di Mercedes ha così dichiarato in merito: “Non esiste una regola che dica esattamente quanto velocemente devi andare dietro la Safety Car, spingeva per annullare il gap“.

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

L’asturiano veterano di BWT Alpine anche ha detto la sua a riguardo: “Non si può rimproverare nulla a Pierre, consociamo la velocità e abbiamo il controllo del mezzo… semmai non ci aspettiamo di vedere trattori sul circuito“.