MotoGP, clamoroso Honda: Marquez tagliato fuori, ecco il nuovo pilota

Clamoroso rumor in MotoGP: Honda sarebbe pronta a stravolgere il mercato piloti estromettendo Marquez dopo dieci anni in blu e arancione.

Qualora gli ultimi rumor di mercato venissero confermati, in MotoGP ci ritroveremmo davanti ad una svolta tanto triste quanto epocale: a soli ventinove anni Marc Marquez potrebbe terminare la sua carriera motociclistica per dedicarsi alla cura dei suoi mille guai fisici e proprio per via di questi ultimi Honda lo starebbe per sbattere fuori dalla porta, non lasciandogli scelta, andando a sostituire lo spagnolo con un altro conterraneo anch’esso laureatosi campione del mondo in passato. Il mondo delle corse è in spasmodica attesa per la decisione del secolo.

addio Marquez
LaPresse

Non si contano i successi di Marc Marquez e facciamo anche fatica ad elencarli tutti: quindici anni nelle corse professionistiche, otto titoli Mondiali vinti tra MotoGP, Moto 2 e Classe 125, duecento ventisei gare disputate, cento trentotto podi ottenuti e ottantacinque corse vinte, senza contare i tremila cinquecento ventitré punti ottenuti ed i settantacinque giri veloci segnati.

Numeri da capogiro, sei titoli Mondiali vinti in MotoGP quasi tutti consecutivamente che rendono l’era Marc Marquez una delle più dominanti insieme a quella di Valentino Rossi… e come disse Roy Batty in Blade Runner “e tutti quei momenti andranno perduti nel tempo come lacrime nella pioggia“. Sì, perché l’era di vittorie di Marquez è già finita da tre anni complici gli innumerevoli infortuni patiti dallo spagnolo ed ora potrebbe anche terminare la sua carriera.

Honda ci sta pensando, Marquez pure: secondo alcuni rumor qualora il ragazzo non scegliesse di continuare a gareggiare decidendo così di ritirarsi definitivamente dalla MotoGP, sarà allora la stessa Casa Costruttrice giapponese a sbatterlo fuori dalla porta avendo già trovato il suo sostituto.

Col il ritiro di Suzuki dal mondo MotoGP si libereranno i due loro piloti Alex Rins e Joan Mir che una casa l’avrebbero già trovata e, guarda caso, entrambi in Honda. Alex Rins si è praticamente ufficializzato pochi giorni fa da solo, dichiarando che è tutto fatto per il suo passaggio futuro in LCR Honda (team di Lucio Cecchinello), team satellite di Honda ma italiano e con sede nel Principato di Monaco.

Discorso diverso per Joan Mir: l’ex campione del mondo nel 2020 avrebbe firmato per Honda ma laddove tutti pensavano che andasse ad affiancare Marc Marquez estromettendo così il deludente Pol Espargarò, sembra secondo gli ultimi rumor che invece andrà ad affiancarlo concludendo così la carriera di Marquez in Honda che, a ventinove anni e non competitivo da tre stagioni per via degli infortuni, potrebbe così optare per il ritiro immediato dalle corse senza cercare un’altra Casa Costruttrice che gli conceda una moto.

Joan Mir fa fuori Marc Marquez? La situazione attuale

Niente di più falso, smentiamo categoricamente questi rumor salvando solo la parte circa il futuro di Joan Mir e quello di Alex Rins. Su Marc Marquez la Honda non farà alcun passo indietro, qualora l’otto volte campione del mondo volesse continuare a correre lo farà nella Casa giapponese blu e arancione e di certo non verrà forzato al ritiro.

La decisione sul ritiro o sul continuare la carriera in MotoGP spetterà unicamente a Marc Marquez e Honda, qualora decidesse di continuare a correre, se lo terrà stretto e in sella alla loro RC213V.

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

E Joan Mir? Novantanove percento Joan Mir prenderà il posto di Pol Espargarò, deludente fino all’ultimo e con il quale non è mai scattata la scintilla veramente col team. Perciò l’anno prossimo Honda si presenterà in pista con due pezzi da novanta: Joan Mir e Marc Marquez, e qualora l’otto volte campione del mondo decidesse di ritirarsi verrà preso un nuovo pilota fresco che andrà ad affiancare Joan Mir non lasciando dunque alcuno spiraglio ad Espargarò.