Zhou, l’incidente a Silverstone si poteva evitare? Il retroscena

L’incidente di Zhou nel circuito di Silverstone si poteva evitare? La parola degli esperti.

Il brutto incidente accaduto al pilota Guanyu Zhou nella gara di Silverstone, è una lezione aspra da imparare. Specie per chi di dovere. In effetti, in questi casi gli addetti ai lavori hanno spesso e volentieri delle responsabilità. Seppur minime, naturalmente.

Zhou Guanyu
Ansa Foto

In ogni caso, quando accadono certi eventi traumatici ci si chiede solamente una cosa: si poteva evitare? La risposta, in questo caso, è più difficile che mai. Sicuramente delle minime possibilità potrebbero esserci, ma quando lo staff c’entra poco e niente fornire una risposta è molto complicato.

Il contatto avvenuto tra i due piloti Russell e Tsunoda, ha accidentalmente coinvolto anche il noto pilota cinese. La dinamica dell’incidente, riguardandola in maniera più approfondita, è davvero spaventosa.

Si parla infatti di un Zhou che viene scaraventato a tutta velocità contro le barriere, dopo un lungo e apparentemente interminabile capovolgimento sull’asfalto. Anche in questo caso, essendoci di base una velocità particolarmente elevata, l’impatto è stato a dir poco violento.

Alcuni pareri in merito a questa vicenda, affermano come l’incidente fosse potenzialmente mortale. In effetti, i precedenti che si sono verificati nel corso della storia recente non hanno visto chissà quali esiti confortanti. Per fortuna, in questo caso specifico, il pilota si trova attualmente in piena ripresa.

Conserverà solamente un lungo trauma, che probabilmente rimarrà in lui per chissà quanto tempo. In ogni caso, il recupero sembra essere incoraggiante. Dunque, almeno per questa volta, il pericolo è stato scampato.

Zhou e l’incidente a Silverstone: ecco di chi è la colpa

Per poter parlare dell’incidente di Silverstone che ha visto Zhou come principale protagonista, non è corretto parlare propriamente di colpe. In termini di sicurezza, il suo team così come gli organi che risiedono al vertice della Formula 1 sono stati determinanti.

In senso positivo, ovviamente. Controllando meglio le dinamiche dell’incidente, lo stesso pilota ha potuto constatare come l’intervento del dispositivo di protezione “halo” sia stato miracoloso a dir poco.

Trovandosi incastrato tra le barriere che separano il pubblico dal circuito, la salvezza del professionista cinese ha sicuramente dell’incredibile. Così, ponendo le prestazioni deludenti dell’ultimo periodo da parte del pilota, non si può che andare ad augurare al professionista una pronta guarigione.

Con la speranza che incidenti del genere siano sempre meno frequenti, in uno sport dove purtroppo gli episodi controversi e sfortunati sono all’ordine del giorno. In questo caso, comunque sia, non si può parlare di responsabilità o chance di evitare che ciò accadesse.