L’Inter nella storia dei Mondiali: un risultato pazzesco

L’Inter rientra tra le più grandi squadre d’Italia e del mondo, ecco perché i nerazzurri anche in questo Mondiale hanno scritto la storia.

In questo Mondiale di Qatar 2022 stiamo assistendo ancora una volta a grandissime partite, perché la competizione più importante nella storia del calcio risulta essere costantemente ricca di grandissimi avvenimenti, con l’Inter che ne è sempre stata grande protagonista grazie ai suoi campioni.

Inter
LaPresse

Sta ormai giungendo alla conclusione questo Mondiale in Qatar, il primo invernale che tutto sommato può già dirsi ampiamente promosso, nonostante nessuno vorrà più la pausa in mezzo alla stagione.

Ovviamente in questo momento sono le nazionali a essere le grandi protagoniste, con diverse realtà che stanno mettendo in evidenza sempre di più la loro grandissima abilità tattica, con il Marocco che risulta essere la grande sorpresa di questa edizione.

I grandi giocatori però non crescono all’interno delle nazionali, ma per poter ben figurare mella massima competizione iridata bisogna mostrare il proprio reale valore potenziale all’interno del club, per questo motivo qualcuno è stato in grado di fare molto meglio rispetto ad altri.

Anche in questo 2022 siamo già certi che continuerà la straordinaria striscia positiva dell’Inter, con i nerazzurri che potranno assistere ancora una volta a un proprio giocatore in finale, un evento che accade addirittura dal 1982.

Infatti la semifinale tra Argentina e Croazia darà l’opportunità a uno tra Lautaro Martinez e Marcelo Brozovic di potersi giocare il massimo titolo internazionale, riuscendo così a entrare sempre di più nella storia meneghina.

Andiamo però insieme adesso a vedere chi sono stati i precedenti giocatori interisti ad aver disputato una finale del Mondiale nelle edizioni dal 1982 a oggi.

Da Altobelli a Palacio: l’Inter in finale domina

Partiamo dunque dall’edizione del 1982, un’annata che è nel cuore di tutti gli appassionati italiani, con la nazionale di Enzo Bearzot che riuscì nella finalissima di Madrid a battere la Germania Ovest.

Ovviamente nella squadra italiana c’erano diversi giocatori interisti, con Beppe Bergomi e Gabriele Oriali che partirono dal primo minuto, mentre Alessandro Altobelli entrò a gara in corsa e realizzò anche la terza rete della Nazionale.

Anche nel 1986 un giocatore interista riuscì a realizzare un gol, ma questa volta il centro di Karl Heinz Rummenigge contro l’Argentina non servì alla sua Germania Ovest per poter vincere la partita.

Per la terza finale consecutiva un interista riuscì a realizzare un gol in finale, ma questa volta fu l’unico e decisivo della partita, con Andreas Brehme che dal dischetto decise la partita contro l’Argentina, e ovviamente come miti nerazzurri c’erano anche Lothar Matthaus e Jurgen Klinsmann.

Ingresso a gara in corso nel 1994 invece per Nicola Berti con la maglia dell’Italia, mentre fu una sfida tra compagni di squadra quella tra Francia e Brasile nel 1998, con Youri Djorkaeff da un lato e Ronaldo dall’altro.

Il fenomeno fu decisivo anche nel 2002 nella finale contro la Germania, realizzando una straordinaria doppietta, con la rete interista che venne replicata anche nel 2006 con Marco Materazzi che batté Barthez e contribuì al successo dell’Italia.

Non fu fortunato invece Wesley Sneijder nel 2010 con l’Olanda, con il piccolo numero 10 che probabilmente avrebbe meritato maggiore sorte, mentre il grave errore di Rodrigo Palacio nei tempi supplementari costò davvero carissimo all’Argentina contro la Germania nel 2014.

Chiudiamo infine con il 2018, con la Croazia di Marcelo Brozovic e Ivan Perisic che provò la grande impresa contro la Francia, ma nonostante la rete dell’esterno interista, furono i transalpini a vincere per 4-2.