Incidente potenzialmente mortale in F1: il pilota è ancora sotto shock

L’incidente di F1 potenzialmente mortale che ha visto Zhou come protagonista, ha scosso tanti piloti. Tra questi, uno in particolare.

L’incidente mortale accaduto in F1, ha lasciato scossi numerosi piloti. Tra cui Carlos Sainz, che a quanto pare è ancora sotto shock. Il pilota, ha infatti vissuto in prima persona l’incidente, mostrando una fragilità d’animo fuori dal comune.

incidente f1
Ansa

La situazione accaduta, tuttavia, era comunque molto difficile da sopportare per tutta una serie di motivi. Il che significa che in pochi, con molta probabilità, avrebbero saputo comportarsi con coraggio e compostezza.

Parlare in terza persona del resto è molto facile, ma quando ci si ritrova ad avere a che fare con certi accadimenti reagire con lucidità è molto difficile. E a seconda di come ci si comporta, si può anche mostrare una nobiltà d’animo comunque non indifferente.

Lo stesso pilota, fortunatamente non coinvolto in maniera diretta, ha affermato in un’intervista di non voler neanche vedere i replay dell’incidente inizialmente. Una persona molto suscettibile? Forse.

Ma alla luce di quello che si è verificato, questa tendenza non è certamente da biasimare in alcun modo. Nonostante si tratti di un professionista ben abituato a questi scenari, reagire non è mai facile.

Questo, è inoltre un comportamento comune a numerosi atleti. Dunque, la reazione di Carlos Sainz non rappresenta niente di sovrannaturale. Anzi, si potrebbe dire che sia una reazione molto umana la sua.

Incidente mortale in F1: Sainz ancora traumatizzato?

Tutti i fan della F1, davanti a questo incidente quasi mortale, probabilmente avranno visto il loro corpo totalmente invaso dalla paura. Nonostante tutti i sistemi di sicurezza attivi siano quasi miracolosi, può comunque capitare che certe fatalità si possano verificare.

Per i piloti, questo approccio, è certamente più difficile. Il professionista uscito vittorioso per la prima volta in carriera proprio nella pista di Silverstone, ha dunque affermato di essersi rifiutato di vedere i filmati dell’incidente.

Effettivamente, dal suo punto di vista, scegliere di non vedere le immagini sullo schermo apposito è stata una decisione molto saggia. Questo, gli ha infatti permesso di concludere la gara nel migliore dei modi senza alcuna distrazione.

Continuare la gara con questo pensiero in testa sarebbe stato molto difficile. Preferire di agire facendo l’esatto opposto, vedendo il risultato finale, è stato dunque un ottimo approccio alla competizione.

Il pilota, vedendo la bandiera rossa sventolare, ovviamente era a conoscenza dell’incidente. Tra l’altro, l’agitazione generale faceva percepire alla perfezione come fosse accaduto effettivamente qualcosa di brutto. Per fortuna, comunque, nessuna fatalità.